Enciclopedia delle armi - a cura di Edoardo Mori
    torna indietro
 

Home > Menu 1 > Sottomenu > Documento

back

La Germania ha recepito la Direttiva

 

I tedeschi hanno recepito la Direttiva Europea il   20 dicembre 2019.
Deve avere ancora un visto finale, ma è cosa fatta!

Hanno fatto una gran furbata perché non dicono una parola sulla direttiva, la ignorano, ma hanno fatto alcuni cambiamenti per cui possono dire che non hanno bisogno di fare altro. Il che non è del tutto vero.
Poi anche in Germania è successo che il polo rossoverde è riuscito a  metterci le mani e ha introdotto nella nuova legge limitazioni che non erano nella direttiva e così quelli che lottavano stupidamente contro la direttiva europea lo hanno preso di dietro dal loro governo! Proprio come in Italia ove hanno pensato quelli "con l'anello al naso e la sveglia collo"!
La situazione in Germania era la seguente:
- Regole precise per le armi da caccia: massimo tre colpi per le armi semiautomatiche, e non solo sul terreno di caccia. Nulla si dice sulle armi da caccia di cat A7 (ora A9)
- Acquisto libero per chi ha una WBK verde (Waffenbesistkarte, Documento per acquisto armi da caccia, valido 5 anni).
- Nessun limite numerico salvo quello derivante dalle misure di custodia. Il cacciatore è responsabile per la custodia sicura delle sue armi. Il legislatore prescrive una cassaforte. Un armadio o un armadietto non è abbastanza. Con norme del 6 luglio 2017, i requisiti di custodia sono stati rafforzati. Fino ad allora, erano ancora consentiti armadietti per armi con i vecchi standard VDMA "Livelli A e B" (o standard UE S1 e S2). Sono ora necessarie casseforti con classi di resistenza certificate (secondo lo standard VdS o EN 1143-1). Il numero di armi lunghe nella cassaforte non è limitato a condizione che la porta possa essere chiusa. Il numero di pistole consentito dipende dal peso (o dall'ancoraggio) dell'armadio e dalla classe di resistenza. oltre che da un ancoraggio.  Chi vuole detenere più di cinque pistole (fino a un massimo di 10 pistole deve avere una cassaforte ancorata al muro.
- Non possono essere portare al di fuori del terreno di caccia

Regole analoghe per le armi sportive
- chi le acquista deve avere la WBK  gialla e deve avere la dichiarazione di una associazione di tiro che egli è autorizzato ad usarle in un poligono e che è socio di una associazione riconosciuta. Ovviamente in Germania non vi sono baracconi pubblici come l'UITS o il TSN. Ovviamente le armi detenute devono essere utilizzabili per gli sport praticabili dalla associazione a cui si è iscritti. Come si vede una normativa chiara e senza cavilli e tortuosità burocratica.
- Non vi è limite al numero detenibile, salvo quello derivante dall'impiego di idonee casseforti. Si possono acquistare al massimo due armi ogni sei mesi, da denunziare entro 14 giorni.
- La WBK rossa è riservata ai periti balistici e ai collezionisti.

In effetti non vi era molto da recepire salvo il quadro di definizioni e l'elenco delle armi proibite.

Ciò che stabilisce la nuova legge
- Divieto dei caricatori con più di 20 colpi per le armi corte e più di 10 colpi per le armi lunghe. Divieto quindi di armi semiautomatiche con serbatoio fisso superiore a tale capacità.  Complicate nome burocratiche per coloro che già li detengono. I caricatori proibiti di cui si consentirà l'ulteriore detenzione dovranno essere necessariamente denunziati
- Divieto delle armi a salve ricavate da armi vietate.
- Regole severe per dimostrare la pratica costante del tiro sportivo : Per la necessità di acquisire armi da fuoco e le munizioni a loro destinate, un certificato rilasciato dall'associazione sportiva di tiro a segno o da una sua sub-associazione affiliata deve essere usato per dimostrare che
1. il membro ha praticato il tiro in un club con armi da fuoco che richiedono una licenza per almeno dodici mesi,
2. il membro ha praticato il tiro in un club negli ultimi dodici mesi almeno a) una volta ogni mese completo di questo periodo, oppure b) ha praticato 18 volte in totale in questo periodo, e
3. L'arma da acquisire è approvata e richiesta per una disciplina sportiva in conformità con i regolamenti sportivi dell'Associazione degli sport di tiro a segno. Di norma, non più di due armi da fuoco possono essere acquisite entro sei mesi.
Per la necessità di possedere armi da fuoco e le munizioni a loro destinate, un certificato rilasciato dall'associazione sportiva di tiro a segno o da una sua sub-associazione affiliata deve essere usato per dimostrare che il membro ha praticato il tiro in un club con la propria arma
1 che richiede una licenza negli ultimi 24 mesi prima dell'esame della necessità ha operato almeno una volta ogni tre mesi in questo periodo o 2. ha operato almeno sei volte entro un periodo completo di dodici mesi ciascuno.
Se il membro ha sia pistole lunghe che manuali, la prova secondo la frase 1 deve essere fornita per le armi di entrambe le categorie. Se sono trascorsi dieci anni dalla prima entrata di un'arma da fuoco nella carta di proprietà della pistola o dal primo rilascio di una licenza di acquisizione di munizioni, l'adesione a un club di tiro ai sensi del paragrafo 2 è sufficiente per dimostrare la continuità del bisogno del tiratore; L'adesione deve essere dimostrata nel corso dei controlli successivi conformemente alla sezione 4, paragrafo 4, frase 2, mediante un certificato rilasciato dal club sportivo di tiro. "

- Si possono detenere solo fino a dieci armi lunghe a canna rigata e a ripetizione  (limite non previsto dalla Direttiva europea). Norma più severa di quanto sembri perché comunque il tiratore potrà detenere solo le armi relative allo sport che effettivamente pratica.
- Controlli più severi su chiede la WBK ,con  informazioni assunte tramite ogni sistema informatico a disposizione. Im particolare viene rifiutata la licenza a chi negli ultimi cinque anni abbia svolto attività
a) dirette contro l'ordine costituzionale,
b) contro l'idea di comprensione internazionale, in particolare contro la coesistenza pacifica dei popoli
c) a mettere in pericolo gli interessi stranieri della Repubblica Federale Tedesca attraverso l'uso della forza o azioni preparatorie mirate,
d) essere od essere stati membri di un'associazione che ha perseguito o perseguito tali sforzi, oppure l'aver sostenuto tale associazione.
Questa è la forza della sinistra che riesce ad infilare in una legge ideologie di parte (lett. b) buone per le prediche della domenica, ma di certo non costituzionali, né internazionali; perché mai si dovrebbe avere comprensione e rispetto per coloro che non ce lo hanno verso di noi e predica odio e guerra?
- Gli stati federali potranno limitare il porto in luogo pubblico o altro luoghi analoghi di coltelli a lama fissa o fissabile e più lunga di quattro cm.
Segue poi un complicatissimo elenco di "giustificati motivi"; attualmente il limite è di 8, 5 cm. In Germania quindi si può portare liberamente una bella pattada senza blocco di lama!

Che cosa non è stato recepito:
- le norme sulla immatricolazione delle parti di armi e sui segni distintivi;
- le norme sulle armi che "assomigliano ad un'arma automatica"
- il recepimento delle nuove categorie che servono ai fini della Carta Europea
- le norme sulle parti compreso sia lo upper che il lower receiver
- le norme sui trasferimenti di armi all'interno della comunità.
- le norme sulle a armi semiautomatiche con calcio pieghevole o telescopico rimovibile senza l'aiuto di attrezzi e che consente di ridurre la loro lunghezza a meno di 60 cm conservando la funzionalità. Ora la legge definisce come armi lunghe quelle in cui la canna con l'otturatore chiuso è lunga più di 30 cm e che può essere usata anche se la lunghezza totale viene ridotta a 60 cm; è in sostanza ciò che dice la direttiva, ma non corrisponde affatto che si debba sommare alla canna la lunghezza dell'otturatore che sporta oltre il piano di culatta.

Stando al sistema adottato in Germania pare che le norne della Direttiva non specificamente recepite, non esistano; il contrario di ciò che hanno fatto gli altri Stati.

5-2-2020


torna su
email email - Edoardo Mori top
  http://www.earmi.it - Enciclopedia delle armi © 1997 - 2003 www.earmi.it