Enciclopedia delle armi - a cura di Edoardo Mori
    torna indietro
 

Home > Armi > Atlanti di immagini > Glossario delle armi bianche > B

back

Glossario illustrato delle armi bianche
A picture glossary of edged weapons
Bilderlexikon der Blankwaffen
Glossaire illustré des armes blanches

| A | B1 2 | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z |

Bichwa - Burrong

Bichwa
Pugnale indiano con lama ad esse e impugnatura forata; originariamente ricavato da un corno. Talvolta l’impugnatura è combinata con un Bagh Nakh.


Bilbo
Piccola spada da lato di ottimo acciaio di Bilbao.
Biliong
Ascia-mazza malese con una lama a forma quadrata fissata ad una mazza di legno con manico alquanto flessibile.

Bill, Brown Bill
Una delle prime armi medievali degli anglossasoni, della famiglia della guisarma. Le forme delle lame sono svariate.

Binnol
Mazzafrusto indiano formato da una palla chiodata unita mediante una catena ad un bastone di legno
Bisacuta
Pare fosse una picca a due punte usata nel 1300; il bicciacuto corrisponderebbe invece ad un’ascia a due tagli da zappatore .
Bi-teran
Mazza australiana (Quinsland) con manico tondo ed estremità appiattita.
Boabdil
Nome di spade e pugnali presso i mussulmani spagnoli alla fine del 1400, deformazione del nome di Abu Abdullah ultimo sovrano moresco a Granada. Erano armi con pomo a cipolla, elso a zoccolo e molto decorate con filigrana e smalti. In Spagna detta Espada Gineta.
Boku-to, Bokken
In genere si intende una imitazione in legno di spada giapponese portata dai medici. Non esatto: il bokken è una spada in legno giapponese utilizzata per allenamento ancora oggi, ma a partire dal 1700 circa sostituita gradualmente nei combattimenti dallo shinai, costruito con lamine di bambu flessibili in modo da evitare gli incidenti, spesso mortali, che capitavano col bokken; il nome deriva da boku = legno e to = spada in senso lato o ken = spada dritta a doppio taglio (nonostante il bokken non appartenga a questa tipologia).
Aalcune categorie di professionisti, che formalmente appartenevano alla classe samurai, avevano l'obbligo del porto della spada; generalmente si limitavano al wakizashi (1-2 shaku di lama = 30-60 cm) perché la katana oltre ad essere lunga 1m circa compreso il manico e quindi scomoda da portare va lasciata in deposito entrando nei locali pubblici o case private, facendo perdere tempo inutilmente a chi spesso deve intervenire con urgenza.
Ii medici erano tra le categorie obbligate ad abbigliamento samurai (capelli acconciati a chommage, aori, hakama, spada); molti però portavano solamente un semplice fodero con dentro uno tsunagi, la falsa lama di legno che serve per tenere assieme manico, tsuba e fodero; la ragione era anche economica: una spada costava molto e i dottori guadagnavano relativamente poco.
Bolas
Arma tipica degli indiana delle praterie del Sud America ma probabilmente usata in Europa dagli uomini preistorici. È formata da due o tre sfere di legno o due o tre sacche di cuoio contenenti pietre, circa delle dimensioni di un arancio, fissate ciascuna ad una corda di circa un metro di lunghezza. Le corde sono poi legate assieme all’estremità libera. Vengo lanciate in vari modi: 1) impugnando l’estremità delle tre corde unite, facendo ruotare brevemente le palle al di sopra del capo e poi lanciandole; 2) impugnando una delle palle e facendo ruotare le altre due; 3) trattenendo una delle palle in mano (talvolta più piccola delle altre) e facendo ruotare le altre due; in tal modo la prima palla può essere rilasciata con un piccolo ritardo. Con questo metodo è facile ottenere una rotazione delle palle a raggiera, utile per avvolgere le gambe di un animale in fuga. Efficaci fino ad una trentina di metri. Gli Esquimesi ne usano un tipo per cacciare grossi volatili.
Bolo
Coltello delle Filippine.



Boomerang (wangim)
I popoli primitivi usano od usavano bastoni da lancio ricurvi di legno duro e con una forma aerodinamica che ne aumentava la gittata. Solo in Australia si è avuta l’ulteriore invenzione di una forma aerodinamica che consente al bastone di compiere evoluzioni aeree, di raggiungere distanze doppie rispetto a quelle di un normale bastone, di ritornare infine indietro verso il lanciatore. Gli australiani usavano anche boomerang da guerra (barn-geet) che non tornava indietro. La lunghezza è attorno ai 50-60 cm. Attenzione: l’immagine è di fantasia perché gli aborigeni lanciano il boomerang con la punta in avanti e questa è del resto la migliore modalità di lancio.
Bo-shuriken
Coltello o arma da lancio giapponese talvolta a forma di lama e simile al Kogai (detta tanto gata), talvolta a sezione circolare, quadrata o esagonale (hari gata e kugi gata).

Bourdonasse, bourdon
Lancia leggera con l’asta cava così da frantumarsi facilmente, usata nei tornei.
Bordone
Robusto bastone dei pellegrini del medioevo talvolta con lama interna (v. Buttafuori)
Bowie
Bowie coltello americano del Far West, creato vero il 1830. Anche con lama a doppio filo o con lama a lancia lunga da 25 a 60 cm.
Brandistocco (ingl. Brandestoc che però indica il Buttafuori! ted: Brindestoc)
Spiedo con lunga cuspide centrale con due ali alla base; i ferri hanno sezione di losanga; veniva usato in guerra schierato dietro le picche. È erroneo usare il termine per il Buttafuori. Vedi alla voce Spiedo.
Braquemar o Braquemart
Corta spada europea a due tagli e con semplice impugnatura non ben identificata (1500).
Bricole (pronunzia francese)
Un tipo di trabucco del 1300; in Spagna detta algarrada.

Briquet
Sciabola francese mod.AN IX e XI.
Buckie
Ascia/coltello dell’India non bene identificata.
Budiak
Lancia dei Moro (Filippine).

Bukmar
Trombone in uso in India.
Bulawa
Mazza a testa tonda dell'est europeo e area indo-persiana portata come simbolo del potere e come arma (1600-1700)
Bullova
Ascia da combattimento delle tribù di Choata Nagpur (India). Il. manico è lungo oltre un metro e la lama assume forme svariate.


Buttafuoco inastato (ingl. Linstock; ted. Zündstock, Hanfstock, Luntenspiess; fr. boute-feu)
E' un attrezzo del bombardiere con ferro centrale e dei rami (serpi) su cui fissare con morsetti la miccia o corda da fuoco. (Ill. De Vita)
Buttafuori (ingl. Feather Staves)
Bastone formato da una canna metallica chiusa superiormente da un coperchietto a scatto. Una forte proiezione faceva uscire una lunga lama affiancata talvolta da due piccole lame divaricate. La lama centrale era lunga anche 80 cm. (1600 - XVII sec.). Usato dai pellegrini per difendersi; può essere considerato una specie di Bordone.
Burrong
Tipo di mazza australiana con punta ripiegata quasi a forma di ascia simile al leonile o liyangayil


torna su
email email - Edoardo Mori top
  http://www.earmi.it - Enciclopedia delle armi © 1997 - 2003 www.earmi.it